“Forse tutti i draghi che esistono nelle nostre vite sono prin..." /> IL SABOTATORE INTERNO | Sintetizzando

Altro

Published on 29 Agosto, 2018 | by Giovanni De Gregorio

0

IL SABOTATORE INTERNO

“Forse tutti i draghi che esistono nelle nostre vite sono principesse che stanno solo aspettando di vederci agire con bellezza e coraggio.
Forse tutto l’orrore non è in fondo altro che l’inerme che ci chiede aiuto”
[Rainer Maria Rilke]

Il SABOTATORE! Una parte di noi che prende forza e spazio, finanche il nostro posto, diventando un padrone di casa rigido e inflessibile, un controllore che non accetta debolezze di sorta in sé e negli altri. E’ da qui che partono i sabotaggi…!

Il Sabotatore induce uno stile di evitamento, di fuga, generando un’assenza verso uno o più vissuti emotivi interni e/o esterni etichettati come negativi. Ogni sabotatore è sostenuto da una credenza, una convinzione profonda, la stessa che ci ha fatto escludere qualche parte di noi. Ad es.: odio la mia timidezza perché gli altri mi deridono. Oppure: “Chi sbaglia deve pagare!”. Sembrerebbe che il Sabotatore nasca da un’intenzione di proteggerci. Ma se anche così fosse, diventa come un tiranno che per proteggerci dalla sofferenza ci trasforma in esseri diffidenti, cinici, rigidi, ossessivi ed ansiosi. Insomma, per non star male, si sta’ peggio! E quand’anche volessi a lui opporti, eccolo subito pronto a presentarti il conto delle tue debolezze, mancanze e viltà.

La fine del Sabotatore è la RIEDUCAZIONE: portarlo a diventare da Persecutore Rivelatore! E questo dipende solo dallo sguardo con cui lo affrontiamo. Dopo averlo riconosciuto, va senza fronzoli spietatamente limitato. Come prima cosa occorre riprendersi il posto che abbiamo lasciato vuoto quando siamo fuggiti di fronte alle difficoltà, alla sofferenza, quando abbiamo lasciato che l’ansia occupasse il nostro posto. Recuperare la distanza di fronte alle difficoltà, assegnare un significato a quella sofferenza, dargli senso e direzione è il passo successivo. Dopodiché occorre passare all’azione. Il Sabotatore, infatti sguazza nella paura, nell’ansia, nella sospensione, che rappresenta il suo habitat naturale. E quindi l’unico modo per superare la paura è attraversarla. Sarà questo movimento a generare poi  l’autostima, ma non c’è niente da fare, inizialmente ci vuole un atto di fede!

La paura, infatti, è come un fiume tumultuoso: se scegliamo di rimanere nella nostra sponda del fiume, questa si restringerà sempre più e con essa la nostra autostima e la nostra felicità.

Se al contrario decidiamo di attraversare con le armi della fiducia quel fiume che tanto ci spaventa, troveremo finalmente nell’altra sponda la nostra sicurezza e la nostra soddisfazione.

La “fregatura” è che dobbiamo attraversare il fiume della paura quando siamo ancora spaventati. Come dice il Prof. Nardone infatti… “In natura esiste la paura, non il coraggio, che altro non è che la paura vinta“.

da Mercoledì 19 settembre 2018, alle ore 18
“CONOSCI TE STESSO”
Un percorso settimanale di gruppo che ti aiuterà a far tua l’idea che il Sabotatore non è una malattia, ma sta lì per ricordarti:

  • ciò che non sei [immagine rigida, sopravvalutata o sottovalutata di sé da raggiungere]
  • ciò che non riesci ad affrontare…ed includere, ossia la tua debolezza e i bisogni da cui rifuggi [lato sensibile che diventa oscuro]
  • ciò che hai paura di diventare [il protagonista, il leader della tua vita]

Gli incontri si svolgeranno presso il Centro di Psicosintesi Applicata, in via S. Di Giacomo, 15 a C.mare di Stabia (NA).

E’ previsto un numero massimo di 15 partecipanti. Raggiunto il quorum si chiuderanno le iscrizioni. Per iscriversi basta effettuare un bonifico di 20€. La quota di partecipazione ad ogni incontro è di 25€. E’ questa anche un’opportunità che il Centro offre a chi desidera seguire un percorso di crescita personale, ma non può consentirsi un costoso lavoro di psicoterapia individuale. Ovviamente il suddetto percorso non sostituisce un lavoro individuale qualora fosse necessario. In ogni caso, il lavoro di gruppo accelera i processi di crescita personali ed è un catalizzatore dei processi di sviluppo relazionali.

Sono previsti sconti per pacchetti mensili e trimestrali e per i giovani al di sotto dei 25 anni.

Per maggiori informazioni:

centrodipsicosintesiapplicata@gmail.com

Dott. G. De Gregorio: 3287028197 (contatto anche wathsapp)

La visione dell’uomo che farà da cornice all’intero Percorso è la Psicosintesi di Roberto Assagioli. La metodologia utilizzata farà buon uso del canale immaginativo, avvalendosi del famoso metodo proiettivo utilizzato nel best-seller “Illumina il tuo lato oscuro”, di Debbie Ford.

Per favorire la comunicazione e introdurre il processo formativo, verranno inoltre utilizzate scene ad hoc, tratte da film selezionati dal rinomato archivio de “Il Cinema Insegna”, di cui il sottoscritto è grande estimatore ancorché abbonato. Ciò, come già sperimentato, armonizza il clima di gruppo e predispone alla creatività e alla produzione di idee.

Il Percorso seguirà il naturale sviluppo del gruppo e prevederà alcune uscite guidate, per visite culturali organizzate dall’Ass. “Tappeto volante”, finalizzate ai temi del gruppo e alla migliore conoscenza dei suoi membri (1. “Leonardo da Vinci”. Mostra spettacolo sulla vita, le opere e le macchine del genio toscano. Sorrento [Museo dell’orgoglio italiano]. 2. “L’invisibile Pompei – Experience”. Un’incredibile esperienza cognitiva e sensoriale guidata, sui reperti archeologici provenienti da Pompei e dintorni. Sorrento [Museo dell’orgoglio italiano] 3. “L’inferno di Dante”, nel Museo del Sottosuolo di Napoli).


Sull'autore

Sono Giovanni De Gregorio, ideatore di "Sintetizzando": il Blog che ti aiuta a conoscere, gestire e trasformare il tuo mondo interiore. Qui troverai esempi pratici e materiale multimendiale che ti aiuterà a diventare più padrone di te! Sito personale: http://www.giovannidegregorio.it/



Rispondi

Back to Top ↑